Petrolio: stretta degli Usa sul greggio iraniano, prezzi si infiammano
Stretta degli Stati Uniti sul petrolio iraniano. Secondo quanto anticipato dal Washington Post, l’amministrazione Trump annuncerà oggi che tutti i Paesi dovranno mettere fine all’import di petrolio iraniano a breve e che il 2 maggio non rinnoveranno le esenzioni di 180 giorni concesse ad otto Paesi, tra cui l’Italia. In caso contrario scatteranno sanzioni.
Per il quotidiano americano, che cita due fonti del dipartimento di Stato americano, si tratta di una escalation della campagna di “massima pressione” dell’amministrazione Trump contro Teheran.
Tre degli otto Paesi esentati avevano già cominciato a ridurre la loro importazione di petrolio dall’Iran: Italia, Grecia e Taiwan. Gli altri cinque sono Cina, India, Turchia, Giappone e Corea del Sud.
Immediata la reazione del mercato del greggio.  Questa mattina il Brent segna un rialzo del 3% a $74 dollari al barile, mentre il Wti cresce del 2,67% a 65,72 al barile.
L’articolo Petrolio: stretta degli Usa sul greggio iraniano, prezzi si infiammano sembra essere il primo su Wall Street Italia.