Oettinger: “spero nuova manovra arrivi oggi, deficit al 2,2% inaccettabile”
Guenther Oettinger, commissario Ue al bilancio, ha invitato l’Italia a presentare rapidamente un nuovo bilancio con un obiettivo di disavanzo inferiore rispetto ai piani precedenti, che ha definito pericolosi per l’Italia e la zona euro.
“Ci auguriamo che la manovra arrivi oggi e rispetti i criteri validi tutti i paesi della zona euro”, ha detto Oettinger, intervistato da una radio tedesca, aggiungendo che un obiettivo di deficit del 2,2% del prodotto interno lordo, rispetto all’attuale obiettivo del 2,4% per il prossimo anno, “sarebbe contrario a tutti gli impegni”.
A questo proposito, ieri, il ministro dell’economia Giovanni Tria, nel corso di una comunicazione in commissione Bilancio alla Camera, ha specificato:
“Per quanto mi riguarda posso dire che sono in atto studi e simulazioni per cercare di capire quali siano i margini e trovare possibili soluzioni condivise. Quello che stiamo analizzando per ora sono solo opzioni possibili e fino a quando non ci sarà una decisione politica rimangano solo possibili”. 
Tria cita a questo proposito il reddito di cittadinanza e le pensioni:
“La prima  delle opzioni è capire, visto che reddito e pensioni non hanno ancora disegni definitivi, è vedere se ci sono spazi,  attraverso simulazioni di Inps e Mef, e se da una definizione  maggiore di queste misure richiederanno meno risorse di  quelle stanziate nel Fondo, la successiva decisione sarà  come usare queste maggiori risorse a riduzione del deficit” ha spiegato il ministro.
Per quanto riguarda le relazioni con Bruxelles, il ministro dell’economia,  nel corso dell’informativa, ha ribadito che:
“C’è una interlocuzione che va avanti con la commissione europea, un dialogo costruttivo, che diventa sempre più costruttivo. Con una finalità di riuscire ad evitare se possibile che Italia entri in procedura di infrazione per deficit eccessivo basata sul debito” . 
L’articolo Oettinger: “spero nuova manovra arrivi oggi, deficit al 2,2% inaccettabile” sembra essere il primo su Wall Street Italia.