Incoraggiare le persone a leggere il contenuto del tuo sito è probabilmente uno dei tuoi obiettivi come proprietario del sito; tuttavia, una volta che i visitatori atterrano sul tuo sito, è ancora più importante che si fermino abbastanza a lungo da farlo.

Se i tuoi visitatori vanno via subito dal tuo sito, probabilmente non hanno trovato quello che stavano cercando, oppure hanno avuto esperienze negative. Questo porta ad avere un’alta frequenza di rimbalzo (la percentuale di visitatori che lasciano il tuo sito dopo aver visto una singola pagina).

Come posso determinare la mia frequenza di rimbalzo?

Puoi visualizzare la tua frequenza di rimbalzo nella pagina Panoramica pubblico all’interno della tua sezione di analisi di Google Analytics

Uno screenshot di Google Analytics

Come ridurre la frequenza di rimbalzo con Jetpack


  1. Abilita i post correlati sui singoli post del blog
  2. Suddividi il testo con immagini e gallerie
  3. Includere l’opzione per cercare nel sito
  4. Rendi il tuo sito reattivo
  5. Correggi i tuoi contenuti

Abilita i post correlati sui singoli post del blog

Quando i visitatori vengono indirizzati al tuo sito da una ricerca di Google o seguendo un link sui social media, i tuoi post sul blog sono probabilmente le prime cose che vedono. Abilitando i post correlati , dai ai visitatori la possibilità di leggere altri post sullo stesso argomento ed esplorare post simili dai tuoi archivi. Esporre i tuoi visitatori a più contenuti ti aiuta anche a convertirli in clienti.

Ecco alcuni suggerimenti per ottenere il massimo dai post correlati:

  1. Scegli un formato di griglia per dare più spazio ai messaggi correlati e renderli più evidenti.
  2. Abilita le miniature dei post per visualizzare i contenuti correlati in un modo visivamente più accattivante.
  3. Personalizza il titolo della sezione, incoraggiando i visitatori a fare clic e leggi i tuoi altri post.

Suddividi il testo con immagini e gallerie

Lunghi paragrafi di testo possono rendere i tuoi post più difficili da leggere e molte persone preferiscono scremare i contenuti. Puoi soddisfare questo pubblico scrivendo paragrafi concisi suddivisi per sottotitoli per rendere i messaggi facilmente analizzabili. Questo può incoraggiare i visitatori a leggere il contenuto nella sua interezza.

Per aggiungere un pò di movimento ai tuoi post, puoi anche dividere il testo con le immagini. Le immagini sono un modo creativo per aggiungere più profondità alla tua storia. Quindi, vale la pena fare il miglio supplementare e assicurarsi che ogni post includa un’immagine o due.

Un altro vantaggio di aggiungere immagini ai tuoi post è che rende il tuo sito più social-friendly.

Includere l’opzione per cercare nel sito

Un ottimo modo per assicurarti che i visitatori possano facilmente individuare le informazioni che stanno cercando includendo una casella di ricerca sul tuo sito. Ciò consente loro di inserire i termini esatti che stanno cercando e di trovare risultati rilevanti.

Rendi il tuo sito reattivo

I siti web reattivi (i siti che si configurano per lavorare su vari tipi di schermi e dimensioni) sono passati dal lusso alla necessità. Più della metà del traffico mondiale di tutto il 2017 è stato generato da telefoni cellulari.

Il web design reattivo può anche aiutarti a ridurre i tassi di rimbalzo, migliorare le conversioni e il posizionamento nei motori di ricerca, e offrire ai tuoi visitatori le migliori esperienze possibili.

Correggi i tuoi contenuti

È fondamentale che non ci siano errori di battitura o errori grammaticali all’interno delle pagine o dei post del blog. Oltre a farti sembrare poco professionale, un post che contiene molti errori è fonte di distrazione, il che potrebbe far sì che i visitatori abbandonino il tuo sito.

La riduzione della frequenza di rimbalzo aumenta le possibilità di convertire i visitatori in fan, clienti e clienti.