La banca UniCredit ha subito un grosso attacco hacker ai danni del suo sistema informatico, permettendo ad intrusi non identificati di accedere a dati no autorizzati e di proprietà dei clienti del colosso bancario.

Unicredit tende a precisare che l’attacco è avvenuto attraverso un partner commerciale.

Le primissime violazioni risalgono ai mesi di settembre e ottobre 2016, replicata nei mesi di giugno e luglio 2017.

Sono circa 400mila clienti in Italia che hanno subito la violazione, che sempre secondo l’istituto bancario, non riguarderebbero le password. Quindi nessuna  transazione non autorizzata è stata subita dai clienti del gruppo.

Ma probabilmente solo l’accesso ad alcuni dati anagrafici e ai codici Iban.

UniCredit ha informato le autorità competenti ed è attiva a cercare di capire come è potuto accadere e cosa fare per evitare ulteriori violazioni.

A disposizione il numero verde dedicato 800 323285 per i clienti che desiderino ulteriori informazioni.
Il personale delle filiali di riferimento è a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione.
La banca contatterà i clienti interessati mediante canali di comunicazione specifici.
Per ragioni di sicurezza non verranno utilizzate la posta elettronica o le telefonate dirette.
Ci si chiede se anche i dati Fineco, banca facente parte del gruppo, possano essere in qualche modo interessati.
Categorie: Appunti

0 commenti

Lascia un commento