L’Assemblea legislativa dell’Umbria ha approvato a maggioranza, le disposizioni finanziarie predisposte dalla Giunta regionale per dare sostegno delle persone e delle attività economiche colpite dal terremoto del 24 agosto 2016. Oltre all’esonero dalla tassa sul diritto allo studio universitario, alla sospensione delle rate dei mutui, agli ammortizzatori sociali e alle anticipazioni del sistema retributivo, previsti ulteriori fondi per il Giubileo della misericordia e per il sistema della Protezione civile.

Sono questi gli interventi previsti dalle “Disposizioni in materia finanziaria”, disegno di legge della Giunta regionale approvato questa mattina dall’Assemblea legislativa dell’Umbria. Approvati anche due emendamenti predisposti dalla Giunta: il primo, a maggioranza e con l’astensione M5S, relativo alla postergazione dei mutui; il secondo, all’unanimità, sulla “fruizione benefici dei benefici previsti dalla Regione per i soggetti titolari di obbligazioni subordinate che abbiano intentato azione legale verso Banca Etruria, Banca Marche, Cariferrara e Carichieti”.

Gli studenti iscritti per l’anno accademico 2016-2017 alle università e istituti di grado universitario aventi sede legale in Umbria e residenti nei comuni interessati dal sisma vengono esonerati dal pagamento della tassa regionale per il diritto allo studio universitario. Le liberalità per il terremoto, ovvero le somme confluite nel conto corrente regionale con casuale ‘Donazioni terremoto Umbria agosto 2016’ saranno destinate alla realizzazione di uno o più interventi di pubblica utilità. Previste poi misure per il sostegno al reddito, con ammortizzatori sociali per i lavoratori che hanno perso il posto di lavoro, per effetto di crisi aziendali o occupazionali. Sospensione del pagamento delle rate di mutuo immobiliare per l’acquisto o la ristrutturazione dell’abitazione principale del nucleo familiare, beneficio che viene esteso anche ai lavoratori autonomi che abbiano dovuto sospendere l’attività di impresa o professionale per effetto degli eventi sismici. Inoltre è prevista la possibilità di ottenere anticipazioni del trattamento retributivo o di integrazione salariale. Vengono infine stanziati altri 30mila euro per gli interventi relativi al Giubileo della Misericordia e altri 25mila per i sistemi di protezione civile.

Categorie: Appunti

0 commenti

Lascia un commento