Categories
Appunti

Tagli all’offerta di greggio da parte dei paesi Opec ed extra-Opec

La proposta di prorogare per ulteriori nove mesi i tagli all’offerta di greggio da parte dei paesi Opec ed extra-Opec secondo l’Iran è una buona idea. Lo riferiscono fonti vicine alle autorità iraniane, lasciando intendere che il terzo produttore Opec sarebbe disposto ad adeguarsi in caso di consensus tra Paesi esportatori.

Arabia Saudita e Russia, rispettivamente numero uno e due al mondo, si sono dette ieri concordi sulla necessità di estendere la riduzione della produzione di altri nove mesi, portando la scadenza a marzo dell’anno prossimo. Si tratterebbe di una proroga più lunga dei sei mesi inizialmente previsti.

Anche il Kuwait, produttore del Golfo spesso allineato alle posizioni di Riad, si è detto oggi favorevole alla proposta. La posizione iraniana è invece meno prevedibile, dal momento che si tratta dell’unico Paese Opec cui è permesso invece di incrementare l’offerta, ma soprattutto in vista delle elezioni presidenziali di venerdì.

“E’ una mossa che dimostra quanto i produttori Opec e i principali produttori extra-Opec siano impegnati a portare stabilità sul prezzo del greggio”, dice una delle fonti.

Una seconda fonte dichiara anch’essa che Teheran è pronta a schierarsi tra i fautori della proposta in occasione della prossima riunione dei Paesi del cartello il 25 maggio a Vienna, a patto però che siano favorevoli anche altri produttori come l’Iraq.

Leave a Reply