Fino a qualche anno fa il trading binario era praticamente sconosciuto e proliferava in maniera, per così dire, selvaggia.

Con l’esplosione di internet si è registrato un vero e proprio boom, tant’è che moltissime nazioni hanno sentito la necessità di regolamentare l’intero settore. La regolamentazione, come noto, è iniziata con la CFTC negli Stati Uniti e poi seguita da interventi normativi della CySEC nell’UE e dalla FSA in Giappone.

Un punto di riferimento al livello mondiale, strano ma vero, è l’Uruguay. Negli anni Ottanta è infatti stata approvata una legge, la 15921, che sancisce la totale libertà per l’ingresso e l’uscita a tutti i titoli, valute locali o estere, metalli preziosi, in qualsiasi modo, inclusi il trading, la conversione e il trasferimento. Da qui l’interesse di tutto il mondo verso questa nazione.

L’Uruguay ha reso, quindi, con questa legge, le opzioni binarie un’attrattiva per tutto il mondo trasformandosi in un vero e proprio porto sicuro per i mediatori. Uruguay a parte, le regole sono diventate molto ferree in tutto il mondo, per cui bisogna diffidare da chi promette guadagni garantiti con trucchi opzioni binarie.

Per guadagnare bisogna invece concentrarsi su un titolo o su una valuta che si conosce molto bene e aiutarsi con grafici e studi di settore. Come noto, infatti, con le opzioni binarie si può solo puntare al rialzo e al ribasso, ma non è una questione di fortuna. O meglio, può esserlo una volta, tutte le altre si tratta del frutto di logiche di borsa e di mercato che bisogna comprendere a fondo per poter davvero guadagnare.

Non ci sono dunque veri trucchi ma solo strategie ideate da persone competenti che conoscono appieno il settore del trading. La legislazione, inoltre, come detto è molto ferrea e chiunque prometta trucchi aggirando la normativa andrà incontro sicuramente a guai seri.

Se per trucco intendiamo uno studio di settore, elaborato da broker o da esperti del settore, allora sì esistono, ma se per trucchi pensiamo a software che una volta scaricati ci consentono di raddoppiare i nostri beni senza fare fatica, allora dobbiamo sapere che si tratta di un raggiro e che seguendo tale strada potremmo perdere tutte le nostre risorse.

Non solo c’è il rischio che i soldi che abbiamo affidato ad un sistema non certificato vadano persi ma anche che, a seguito dei controlli, esso possa essere chiuso e dunque che tutto il denaro degli investitori possa venire congelato. Bisogna dunque affidarsi soltanto a broker regolamentati e studiare bene ogni mossa prima di investire su una determinata valuta o azione.

Categorie: Appunti

0 commenti

Lascia un commento