I programmi Erasmus+ coprono anche prestiti per motivi di studio, in particolare, per corsi di laurea magistrale sono garantiti dall’UE con condizioni di rimborso favorevoli e possono aiutare a finanziare un corso magistrale in un paese partecipante al programma.

Un rimborso dilazionato fino a due anni per consentire ai laureati di trovare prima un lavoro.
Non sono richieste garanzie collaterali da studenti o genitori per assicurare la parità di accesso.
Attualmente questi prestiti sono disponibili soltanto per gli studenti italiani che vogliano partecipare a corsi in Spagna, Francia e Regno Unito per svolgere un corso di laurea magistrale.

In futuro, con l’adesione di un numero crescente di istituti bancari, si renderanno disponibili maggiori destinazioni per gli studi postuniversitari in Europa.
Entro il 2020 dovrebbero aderire da 20 a 25 nuove banche.

I prestiti coprono importi fino a 12mila euro per un corso annuale o fino a 18mila euro per un corso biennale (o importi corrispondenti in valuta estera per le banche dei paesi non appartenenti all’area dell’euro).

Possono beneficare di un prestito agevolato gli studenti che hanno completato il primo ciclo di studi (laurea o equivalente) e che sono già stati ammessi a seguire un corso di laurea magistrale in un altro paese partecipante al programma.

Per poterlo richiedere occorre risiedere in un paese del programma, mentre il paese di destinazione non può essere quello di residenza o quello in cui è stata conseguita la prima qualifica.

I prestiti possono essere erogati soltanto per studi condotti presso un’università titolare della carta Erasmus per l’istruzione superiore.
I prestiti non sono disponibili per coloro che intendono seguire all’estero soltanto una parte del loro corso di laurea magistrale; che però possono comunque beneficiare di una sovvenzione Erasmus+.

Il tasso d’interesse applicato al prestito dipenderà dal paese in cui l’istituto di credito ha sede, anche se sarà inferiore a quelli commerciali standard.
Per fare domanda, ed avere maggiori informazioni, occorre rivolgersi direttamente alle banche e agenzie di prestito nazionali partecipanti.

Non vi sono scadenze dei termini per la richiesta, ma in ogni caso, se interessati, consigliamo di contattare le banche per tempo così da poter preparare i documenti necessari per inoltrare la pratica e conoscere eventuali scadenze interne alla banca.

Per maggiori informazioni e per conoscere l’elenco aggiornato delle banche e dei paesi, si può visitare la pagina dedicata sul sito della Commissione Europea


0 commenti

Lascia un commento