Il trading online è una realtà ormai affermata: grazie allo sviluppo di internet, qualsiasi appassionato di transazioni finanziare sul web può oggi trasformarsi facilmente in un trader, tentando così di realizzare dei profitti direttamente da casa. Quando si parla di piattaforme, la prima parola che salta in mente è generalmente il Forex o il trading binario.

Le opzioni binarie sono semplici da padroneggiare, il loro funzionamento è intuitivo ed i potenziali guadagni che offrono possono rivelarsi particolarmente proficui. Ma dove si nasconde il trucco? Si tratta di un sistema veramente vantaggioso? O cela della trappole nascoste?

Diversamente dal trading con le valute o con i CFD, dove il trader deve delineare delle strategie di compravendita sui vari mercati di riferimento, con le opzioni binarie occorre semplicemente effettuare una previsione circa l’andamento del prezzo di un asset. Per asset si intende qualsiasi bene quotato sul mercato: azioni, indici, cross valutari e commodities.

Il valore di ogni asset oscilla costantemente, per via dei meccanismi regolati dalla domanda e dall’offerta internazionale; nel breve termine, queste oscillazioni sono di solito assai ridotte, e corrispondono ad una variazione di millesimi, espressa nel trading online in termini di “pips”. Questo è un principio importante per chi si dedica alle opzioni binarie, in quanto il guadagno con questo strumento si basa proprio sull’esatta previsione di qualsiasi variazione delle quotazioni di un asset, anche quelle più lievi. Se il pronostico risulta corretto, il trader ha diritto ad incassare una percentuale sull’importo impiegato, che mediamente corrisponde all’75% della somma investita.

Negli ordini più semplici, occorre solamente indicare se il prezzo del bene prescelto salirà o scenderà rispetto al valore iniziale entro una precisa scadenza.

Nel caso dello speed-trading, questa deadline può equivalere a pochi secondi (30 o 60 secondi). Da questo si capisce quanto sia semplice e dinamico questo strumento di trading: in pochi ordini, si possono accumulare dei guadagni considerevoli.

L’intrinseca semplicità delle opzioni binarie genera inevitabilmente un diffuso scetticismo, soprattutto tra chi non ha familiarità con il trading online: il profitto sarebbe troppo veloce e troppo semplice, per cui ci deve essere necessariamente un trucco nascosto che alla lunga penalizza il trader, facendogli perdere le somme accumulate.

La maggior parte dei neofiti considera le opzioni binarie come un gioco d’azzardo, dove il successo è una variabile dipendente della fortuna. Ma non è così!! Ogni investimento non è un gioco e se si vuole davvero guadagnare bisogna leggere tanto, avere una buona preparazione di base degli strumenti finanziari e fare tanto esercizio, oltre che saper leggere bene i grafici finanziari. Chi pretende di diventare ricco semplicemente “azzeccando” l’andamento dei prezzi degli asset, senza uno studio preciso del loro comportamento sui mercati, potrà anche realizzare dei buoni profitti nel breve termine, ma andrà sicuramente incontro a delle cocenti delusioni nel medio e lungo periodo, se non alla totale perdita dei suoi precedenti guadagni e anche risparmi.

Il rischio di questo approccio al trading consiste nel perdere velocemente l’importo depositato nell’account, precludendo così qualsiasi possibilità di recupero del capitale perduto. La strategia corretta prevede invece di dedicarsi ad uno studio preliminare, magari utilizzando una guida al trading binario per imparare come funziona per poi decidere su quali mercati si intende agire. In questo caso, occorrerà anzitutto dedicare del tempo al materiale formativo messo a disposizione dal broker, di solito sotto forma di ebook, tutorial, video e testi sul web.

Il passo seguente consisterà nel cimentarsi con un conto demo, ossia una simulazione che consente di acquisire la giusta familiarità con l’interfaccia di trading utilizzando degli importi virtuali: in questo modo si potranno comprendere le funzioni della piattaforma sperimentando liberamente delle strategie senza incorrere nel rischio di impiegare e perdere dei soldi reali. Di grande importanza risulta anche ottenere una discreta padronanza degli strumenti di analisi tecnica e fondamentale, nonché delle visualizzazioni grafiche; infine, sarà utile imparare a gestire delle funzioni di supporto, come ad esempio i segnali di trading, dei suggerimenti in grado di indirizzare il trading nella scelta della combinazione più proficua di asset, scadenze e tipologia di opzioni binarie da adottare.

Oltre allo studio della materia finanziaria e all’analisi degli strumenti da utilizzare, è possibile mettere in pratica alcune strategie finalizzate a massimizzare il profitto e minimizzare le perdite.

Lo scalping, ad esempio, è un metodo che consente di limitare i rischi di passivo, incrementando allo stesso tempo le possibilità di guadagno. Questo sistema si basa sull’impostazione di molteplici ordini di piccola o media entità: se alcuni di questi non produrranno dei guadagni, una buona percentuale potrà colpire il bersaglio, consentendo al trader di accumulare un profitto intorno al 20% del capitale investito. Su internet si potranno trovare altre strategie simili, con le quali si potrà provare ad aumentare le possibilità di profitto con le opzioni binarie.


0 commenti

Lascia un commento