dicembre è in arrivo il bonus di 154,94 euro per le pensioni più basse, ossia quelle che hanno un importo inferiore al trattamento minimo e un reddito che non superi una certa soglia prevista.

Bonus 154 euro non spetta a tutti i pensionati

La misura è in vigore dal 2001, introdotta con la legge 388/2000. A dicembre i pensionati percepiscono la tredicesima della pensione, che spetta a tutti, indistintamente dall’assegno percepito. Il bonus di 154,94 euro invece è aggiuntivo alla tredicesima, ma solo per le pensioni minime.

A chi spetta il bonus per le pensioni di dicembre

Per beneficiare o meno della misura si devono possedere dei requisiti precisi legati all’importo percepito e al reddito individuale o familiare se coniugati. In particolare, il bonus di dicembre  spetta ai pensionati che nel 2019 hanno percepito una pensione dall’importo minore o uguale a euro 6.596,46.

Se la pensione riscossa per il 2019 è compresa tra 6.596,46 a 6.751,40 euro, si può comunque usufruire del bonus, calcolando la differenza fra l’importo percepito e quello minimo (6.596,46 euro).

Oltre all’importo, ci sono anche dei limiti di reddito di cui tenere conto. Si ha diritto al bonus di 154 euro se il pensionato ha un reddito individuale inferiore o uguale a 9.894,69 euro. Se invece è coniugato, il limite del reddito familiare deve essere inferiore o uguale a 19.798,38 euro.

A chi non spetta il bonus per le pensioni di dicembre

Il bonus di dicembre, inoltre, non spetta per alcuni trattamenti previdenziali e assistenziali erogati dall’Inps. Ecco quali: pensione invalidità civile; pensione sociale; assegno sociale; rendita facoltativa di vecchiaia; rendita facoltativa d’inabilità; pensioni di vecchiaia e di invalidità della mutualità pensioni a favore delle casalinghe; assegni di esodo; isopensione.

Categorie: Appunti

0 commenti

Lascia un commento